Terremoti e unità


A pochi giorni dalla festa nazionale per la celebrazione della fondazione della Repubblica, la Turchia è nel bel mezzo delle solite problematiche interne: minoranze escluse, gruppi indipendentisti violenti, ostilità della popolalzione e drammatizzazione del governo e dei media.

A rendere tutto la situazione più tesa è anche il terremoto che ha colpito l’area di Van nell’Est del paese, dove per adesso si sono contate circa 460 vittime e più di 1500 feriti. A volte le sventure sono davvero coincidenze. Nell’ultimo mese infatti si è riacceso lo scontro tra l’esercito turco e quello dei ribelli del PKK, militanti che combattono per l’indipendenza della minoranza curda. Già a fine Agosto la Turchia aveva attacato le basi dell’organizzazione, definita dall’Unione Europea, Stati Uniti e Turchia terroristica, varcando i confini del paese. Il 19 ottobre il numero di militari turchi uccisi dai ribelli curdi è stato 24. La reazione del governo è stata “dichiarare la guerra e chiudere il dialogo”. Ad Istanbul, il nazionalismo si è riacceso come non mai. Dai palazzi e dalle case sono spuntate bandierone e bandierine rosse con la mezza luna e la stella. Il commento più diffuso per le strade era “Hanno ucciso 24 dei nostri”. Quando la notizia del terremoto ha raggiunto i telegiornali, molti hanno commentato che “Dio ha deciso di punirli. Adesso hanno bisogno di noi”. Nessuno ha detto “sono morti 200 dei nostri” (i primi numeri ufficiali usciti dopo la scossa). Non sono stati pochi i giornalisti contestati per aver lasciato trapelare messaggi discriminatori. Il presidente del Consiglio Recep Tayyip Erodgan ha invece affermato di non aver mai fatto distinzione tra i cittadini del paese, curdi o armeni che siano, e che i media non dovrebbero speculare sull’emotività della gente stimolando il razzismo. Intanto però in un primo momento ha rifiutato tutti gli aiuti offerti da circa 40 paesi in tutto il mondo, affermando che “Ankara è più che preparata a fronteggiare la crisi”. Ma era chiaro fin dall’inizio che era solo uno sfoggio di orgoglio e che la siutazione non era poi tanto sotto controllo come dichiarato. Il terzo giorno dopo il terremoto finalmente è stato ammesso che le tende a disposizione non erano abbastanza e che con l’arrivo della neve e del freddo coloro rimasti senza casa non avrebbero avuto un posto dove ripararsi. Il presidente del Consiglio è stato infatti costretto a rimangiarsi le sue parole ed il Ministero degli Interni ha annunciato che la Turchia accetterà gli aiuti di chiunque paese, senza distinzione (Israele compreso). Oggi (27 ottobre 2011), circa 7 prefabbricati partiti da Israele sono già in viaggio.

Probabilmente se la Turchia avesse accettato prima gli aiuti, i soccorsi sarebbero stati più efficaci, soprattutto considerando il fatto che alcune fonti giornalistiche affermano che in alcuni paesini i soccorsi non sono mai arrivati. In queste situazioni è difficile distinguere le motivazioni delle scelte del governo, che sembravano guidate in principio da puro orgoglio. È anche difficile non chiedersi se la decisione sarebbe stata la stessa se la zona colpita dal terremoto si fosse trovata altrove in Turchia. Triste che in un momento di emergenza, dove i familiari perdono i loro cari e i figli i loro padri, a trionfare tra le righe dei giornali e tra le conversazioni della gente sono ancora problemi di integrazione ed esclusione.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: