Tornati liberi i rappresentanti di Solidarietà Taksim


Rilasciati i 12 protestanti –  tra cui alcuni rappesentanti della Piattaforma Solidarietà Taksim – che sono stati arrestati durante le manifestazioni dello scorso lunedì ed accusati di “formare gruppi illegali con fini criminali”.

Una delle corti di Istanbul ha rilasciato i manifestanti arrestati lunedì scorso durante glil scontri ad Istanbul. I manifestanti erano stati accusati “di formare gruppi illegali con fini criminali”.  Tra gli arrestati c’erano anche dei rappresentanti della Piattaforma Solidarietà Taksim, che è stata l’iniziatrice dell’occupazione di Gezi Park e la piu presente durante le proteste.
I giudici hanno rilasciato gli accusati per mancanza di prove. Subito dopo l’annuncio della decisione della corte, la Piattaforma Solidarietà Taksim ha detto che la resistenza continuerà: “Abbiamo restistito all’oppresssione per 45 giorni. Ci attaccano con lacrimogeni, proiettili di gonna e ci prendono in custodia, ma resisteremo. La Piattaforma di Solidarietà Taksim è stata chiamata un’organizzazione criminale nel riassunto del processo. Ma i veri criminali sono proprio coloro che hanno preparato questo riassunto”.

Segnali preoccupanti

La notizia della liberazione sembra rassicurare sulle vere intenzioni della polizia, che piu volte durante la manifestazione si è limitata a prendere in custodia individui senza alcuna precisa ragione – esattamente come è successo al fotografo italiano Daniele Stefanini-, ma fortunatamente solo per qualche giorno.

Puttroppo però le ricerce su twitter e su Facebook vanno avanti. La polizia ha di recente accusato la Piattaforma Solidarietà di provocare il disordine e minacciare l’ordine pubblico, causando feriti e provocando lo spargimento a macchia d’olio delle proteste nel resto del paese.

Il Dipartimento di Polizia di Istanbul ha anche citato esempi concreti di istigazione al disordine attraverso alcuni twits. La Piattaforma è inoltre accusada di diffamare la polizia e aver causato danni agli esercizi privati.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: