Membro del partito di opposizione marcia da Istanbul ad Ankara a piedi per chiedere la riduzione della soglia di sbarramento alle elezioni


In marcia a piedi da Istanbul ad Ankara per chiedere la riduzione della soglia di sbarramento alle elezioni. Aylin Kotil, membro del partito di opposizione CHP (Partito Repubblicano Popolare) ha iniziato a camminare l’8 Luglio dalla stazione di Haydarpaşa di Istanbul.

BO3lMeDCEAAl-dC.jpg_large

Ha iniziato la sua marcia l’8 di Luglio, da una delle stazioni di Istanbul, la 48enne Aylin Kotil, membro del partito di opposizione CHP (Partito Repubblicano Popolare) che prevede di raggiungere la capitale in 22 giorni, per poi incontrare i rappresentanti dei quattro partiti presenti in parlamento e consegnare loro il suo manifesto politico, la quale richiesta principale consiste nella diminuizione della soglia di sbarramento alle elezioni (sia nazionali che locali) al momento del 10%.

Una marcia di circa 470 km, per la quale ad apoggiarla Aylin ha un gruppo di cinque persone, che si occupano anche dei suoi bisogni e della logistica del suo viaggio.

Sul suo blog, (Bu Baraj Düşecek: “Questo sbarramento diminuirà”)attraverso il quale condivide i dettagli del suo percorso, si vedono foto di sostenitori che la abbracciano ed ospitano lungo il tragitto.

Aylin Kotil

La soglia di sbarramento al 10%: implicazioni politiche

Il problema dell’alta soglia di sbarramento per il parlamento può esser visto come un fattore piuttosto cruciale per la definizione delle complicazioni odierne emerse alla luce delle recenti proteste. La maggioranza assoluta che il Primo Ministro Recep Tayyip Erdogan invoca ad ogni comizio è anche una conseguenza di questo sistema elettorale, che elimina  completamente l’opportunità di rappresentazione per i partiti minoritari e tende alla formazione di bipolarismo, rendendo futili un alto numero di voti.

Tale soglia è stata stabilità per rimediare all’instabilità politica del paese, che si è trovato in diversi momenti della sua storia di repubblica in situazioni di ingovernabilità  e  pur ha subito  3 colpi di stato e un golpe “post-moderno” (questa ultima  osservazione non è da ricondurre necessariamente allo sbarramento, ma alla delicatezza della democrazia turca).

All’interno della società turca, sembra esserci assai poca consapevolezza riguardo a questi temi e solo recentemente alcuni gruppi di attivisti, siti internet e personaggi politici hanno iniziato a menzionare lo sbarramento come una problematica nazionale.

Il percorso di Aylin Kotil ad oggi.

Il percorso di Aylin Kotil ad oggi.

Advertisements